NYX è il makeup professionale per tutte le tasche

Può una ragazzina arrivata in un nuovo paese, senza conoscerne lingua e cultura, riuscire in meno di dieci anni a fondare uno dei più innovativi ed inarrestabili brand nel mondo del makeup? È possibile imporsi in un mercato così agguerrito in brevissimo tempo? Sì e sì, e la risposta porta il nome di Toni Ko. Tini ha fondato a Los Angeles, nel 1999, la NYX Professional Makeup, un’azienda che partita dal nulla avrebbe fatto presto parlare di sé. La fondatrice, Toni Ko, ha spiegato in un intervista a Marie Claire che NYX è nata per riempire il gap tra cosmetici di prestigio e brand meno costosi e disponibili a tutti.

Essendosi resa conto che sul mercato Americano e internazionale non esistevano prodotti di alta qualità e confezionati con cura venduti a prezzi accessibili, Ko ha deciso di chiamare il suo brand come la dea greca della notte.

NYX Professional Makeup

Il primo prodotto messo in commercio era un Jumbo Eye Pencil, un ibrido tra un eyeliner/matita per gli occhi e un ombretto in crema. La produzione cominciò con un solo colore, un bianco brillante; adesso conta più di venti colori, centinaia di prodotti ed è stata recentemente acquisita dal colosso L’Oréal. Non male vero?

Curiosità e segreti del marchio NYX

Il marchio ha impiegato pochissimo tempo ad imporsi sul mercato e il suo segreto è stato riuscire a combinare un prodotto d’alta qualità con un’ottima accessibilità: professionalità a prezzi contenuti. Il successo in Usa è stato immediato, progressivamente si è diffuso in tutto il mondo, raggiungendo da poco anche l’Italia. L’apertura del primo store milanese ha visto centinaia di ragazze in coda fin dalle prime ore del mattino per potersi accaparrare i primissimi cosmetici NYX venduti in Italia. La forza del brand è quella di mettere d’accordo i blogger, i makeup artist professionisti e le semplici appassionate di trucco.

NYX Professional Makeup

Dopo l’apertura dello store milanese sono state programmate numerose nuove aperture e la città di Milano non è rimasta a lungo la prima ed unica città targata NYX: Napoli e Roma hanno già aperto i loro primi store e sono previste numerose aperture lungo tutta la penisola. Ma come è stato costruito il successo di NYX? Toni Ko ha avuto sicuramente un grande intuito: una volta notato il grande gap tra i marchi di lusso e quelli eccessivamente cheap è riuscita a creare una valida alternativa che mettesse d’accordo tutti. I suoi canali di diffusione sono stati fin da subito i social: Toni ha saputo sfruttare i tempi, creando una fortissima immagine social per il suo marchio.

Soltanto su Instagram poteva contare su circa 5milioni di follower, principalmente appassionati di trucco e makeup blogger che non hanno fatto altro che dare risonanza al suo brand facendo in modo che potesse raggiungere ogni angolo del pianeta e in tempi incredibilmente brevi. Sicuramente la scelta del look è stata altrettanto felice: colori vivaci, tecniche professionali e prodotti eccellenti. I più venduti sono i prodotti per le labbra e le palette per gli occhi: tra i prodotti cult c’è sicuramente Milk, uno tra i Jumbo Eye Pencil più venduti. Sono già diventati celebri questi matitoni per il trucco occhi, con colore bianco gesso che viene utilizzato come base per l’ombretto. Toni ha creato un brand che permette di giocare, sperimentare, improvvisarsi truccatrici senza dover necessariamente spendere una fortuna. È stata restituita una professionalità semplice ad un gesto quotidiano per moltissime donne.

Da internet alla L’Oréal

Il successo di Toni Ko e del suo marchio NYX nasce sicuramente su internet: è stato per anni il brand più amato dalle video blogger e dai makeup artist di tutto il mondo. È un successo che pare non fermarsi dinanzi a nulla, ma come è possibile passare da un successo, grandissimo e incredibile, sul web all’interesse di un colosso come il francese L’Oréal?

NYX Professional Makeup

La rete è la chiave di tutto, non da intendere esclusivamente come numero di follower, condivisioni o presenza online, ma come capacità di interagire con i clienti, ascoltare le esigenze e creare un prodotto perfetto, che si lascia scegliere. Toni ha ridotto al minimo tutto ciò che è superfluo in un prodotto pur di mantenere i prezzi contenuti: una bella confezione, certo, ma senza perdersi in spese inutili, meglio dedicarsi alla qualità del prodotto. È così che Toni ha conquistato il pubblico e attirato l’attenzione di una realtà come la L’Oréal: il prezzo dei suoi prodotti (https://www.pinkpanda.it) è estremamente basso se paragonato alla qualità degli stessi. C’è un rapporto qualità prezzo che ha conquistato chiunque.

In alcune interviste l’ideatrice di NYX ha raccontato d’aver cestinato migliaia di prodotti soltanto perché alcune clienti non si erano ritenute soddisfatte del prodotto: mantenere degli standard di altissima qualità, accettare le critiche, seguire i consigli, ascoltare gli umori e la soddisfazione del cliente ha permesso al brand di creare una grossa rete, basata sulla fiducia e la garanzia. Toni Ko ha trovato non dei semplici clienti, ma dei fedeli seguaci del suo marchio. E quale pubblicità migliore?